Archive for gennaio 2011

Le imperdibili avventure di mia cugina Piera

gennaio 31, 2011

uomini e sogni

Mia cugina Piera è una dormigliona. Ogni volta che la sento, o s’è appena svegliata o è sul punto di schiacciarsi una pennica. Un giorno glielo domando.

Ma perché dormi sempre?

Ma come, e me lo chiedi pure.

Be’…

È un buon modo per trovarmi finalmente l’uomo dei miei sogni, no!?

Sapete cosa. Non riesco mai a capire se scherza o parla sul serio. La cosa peggiore è che credo non lo sappia nemmeno lei.

A scuola

gennaio 31, 2011

Vado a prendere Virginia a scuola. Il vociare dei bambini, tutte quelle voci sovrapposte e indistinguibili che rimbalzano tra le pareti dei corridoi, è la cosa più sorprendente e al tempo stesso commovente, non so spiegarmi il perché, che mi sia capitata di ascoltare e sentire negli ultimi tempi. Ogni volta, succede che mi sobbalzi il cuore. Bè, in mezzo a quel trambusto, la vesto e usciamo. Mentre percorriamo la stradina che ci porta al cancello, comincio con le domande.

Virginia oggi com’è andata.

Mmh.

Hai giocato?

(more…)

Contrariamente

gennaio 24, 2011

Ho Virginia in braccio. La tengo per i fianchi, la sto facendo girare, lei reclina la testa all’indietro, ride, sghignazza, emette urletti divertiti. A un certo punto, quasi senza fiato, mi dice.

Basta papà!

Perché?

Vedo tutto contrariato!

Don’t panic

gennaio 18, 2011

Quando piove, io e Virginia passiamo per i box, che prendiamo meno acqua. Per accedere alle scale, però, ci stanno da aprire due grosse porte tagliafuoco. Sono pesanti, Virginia ogni volta ci prova, ci si appende quasi, spinge ma non riesce. Di solito poi sbuffa così.

Papà che pesante che è!

Cosa, Virginia.

Il maniglione antipatico!

Virginia paint

gennaio 14, 2011

il mondo arancione fa il bidone come un osso nel bidone [7/1/2011]

Ti piace vincere facile

gennaio 12, 2011

Papà papà!

Dimmi, amore.

Chi tocca adesso?

Tocca a te, forza.

Ah chiudi gli occhi!

Chiusi, conto fino a dieci. Uno… due… tre…

E intanto la sento che sgambetta alla ricerca di un buon nascondiglio. Ma ancora prima che finisca di contare (di solito intorno all’otto…), eccola che grida, tutta contenta:

Papà papà! Vienimi a cercarmi! Sono dietro la tenda vicino al divano!

A nascondino vinco sempre io. Troppo facile, lo so.

Beata innocenza.

Fantasia al potere

gennaio 9, 2011

Virginia prende un pennarello giallo lo stappa e tutta quanta ispirata comincia a tracciare dei segni immaginari nell’aria. Per un po’ la osservo e poi però glielo chiedo.

Cosa stai facendo Virginia?

Ma papà! Disegno con la fantasia!

letture 2010

gennaio 3, 2011

tra una cosa e l’altra anche quest’anno ho letto molto molto parecchio molto poco (sempre più dell’anno prima, uh… figurarsi). ci sarebbe da vergognarsi da quanto poco ho letto e però, ecco, visto che non tengo vergogna, metto qui di seguito le mie letture del 2010.

Non avevo capito niente, Diego De Silva (preso per il titolo invitante, una bella scoperta)

(more…)